Espai Mescladis: The Café Cooking for Social Cohesion

Espai Mescladís (Aprile 2019).

Anonim

Situato in un angolo tranquillo del quartiere alla moda El Born di Barcellona, ​​a prima vista l'Espai Mescladis potrebbe essere solo un altro caffè alla moda. Tuttavia c'è molto di più in questo locale accogliente rispetto alla sua cucina casalinga e ai suoi mobili colorati. Espai Mescladis è il volto di un'organizzazione senza scopo di lucro che usa cibo e bevande come mezzo per promuovere la coesione sociale nella città.

Un caffè con una differenza

Il quartiere El Born di Barcellona è noto per la sua vivace vita notturna, le sue boutique di stilisti e il fascino delle sue antiche strade. A differenza del vicino Quartiere Gotico, questa è ancora una parte della città dove i locali vengono per rilassarsi e socializzare nei fine settimana.

Camminando lungo una delle strade principali di El Born, il Carrer dels Carders, alla fine incappi in una colorata terrazza all'aperto, nascosta nell'angolo di un vecchio edificio. Espai Mescladis ha tutto il fascino di un altro bell'esemplare di Barcellona. Tranne questo fa molto di più che servire solo birra buona e tapas decenti.

Espai Mescladis è il progetto di punta di un'organizzazione locale senza fini di lucro chiamata Mescladis, una commedia sulla parola catalana mesclar, che significa "mescolare". Lo scopo di Mescladis è quello di promuovere la coesione sociale nella città, e in particolare combattere la paura dell'alterità che può sorgere in società sempre più multiculturali.

Accettare e comprendere l'alterità

Secondo un rapporto ufficiale, nel 2018 si stima che il 18% della popolazione di Barcellona non fosse spagnola, e di questi circa il 70% provenisse dall'esterno dell'UE. I primi tre paesi di origine per i residenti stranieri sono l'Italia, la Cina e il Pakistan. Barcellona sta anche ricevendo un numero crescente di migranti e rifugiati nel contesto della crisi migratoria in corso nel Mediterraneo.

Arrivare in un nuovo paese e non parlare la lingua o affidarsi alla famiglia è spesso una grande sfida per molti migranti. Inoltre, molti affrontano pregiudizi e stigmatizzazioni basate su razza, religione o nazionalità. Circa il 48% degli intervistati di un sondaggio su "quali fattori rendono difficile la convivenza tra residenti culturalmente diversi di Barcellona" ha dichiarato "la mancanza di conoscenza dell'altro, così come le attuali voci, stereotipi e pregiudizi sull'altro

.

"Come la ragione principale.

Mescladis mira a combattere questa paura dell'alterità e della differenza promuovendo opportunità di dialogo e di scambio. Organizzano seminari per adulti e bambini che cercano di affrontare le origini di alcune forme di stigma. Gestiscono anche progetti comunitari in spazi pubblici in tutta Barcellona, ​​come il progetto 2015 Invisible Dialogues, che ha coinvolto una serie di testimonianze fotografiche di grandi dimensioni inviate dai migranti arrivati ​​in città.

Cucinare opportunità

Forse lo strumento più importante dell'organizzazione è l'Espai Mescladis stesso. Per uno, il 90% di tutti i finanziamenti dell'organizzazione è generato internamente attraverso il caffè e progetti associati come i servizi di catering. L'Espai Mescladis - espai significa "spazio" in catalano - serve un menù per il pranzo che cambia ogni giorno e una selezione di tapas fatte in casa. Il bar lavora con fornitori selezionati con cura e che condividono i loro impegni con il commercio equo, sostenendo l'economia locale e lavorando il più possibile con prodotti biologici.

Inoltre, il caffè svolge un ruolo essenziale in una delle attività principali dell'organizzazione: il progetto Cuinant Oportunitats. Tradotto approssimativamente come "Cooking Up Opportunities", il progetto offre formazione per l'ospitalità alle persone ai margini del mercato del lavoro e spesso anche della società. Non tutti i partecipanti al corso hanno uno status legale nel paese, ma ciò non scoraggia l'organizzazione. Credono nel dare alle persone la possibilità di apprendere un'abilità che consentirà loro di supportarsi e dare un contributo positivo alla società.

Il corso completo dura tre mesi e prevede circa 30 ore di formazione a settimana, incentrate sulle abilità di cameriere o sulla preparazione del cibo. Ci sono anche altri elementi del corso, come la terapia artistica e le lezioni di abilità sociali, che possono rivelarsi altrettanto importanti per la capacità di alcuni partecipanti di trasferirsi successivamente nel mercato del lavoro. Come parte della loro formazione, i partecipanti lavorano nell'Espai Mescaldis e mettono in pratica le abilità che hanno imparato in classe. Ciò significa che non solo ricevono una qualifica alla fine del corso, ma anche una preziosa prima esperienza da inserire nel proprio CV.

Il settore dell'ospitalità è una delle industrie più importanti di Barcellona e molti ex allievi del Mescladis hanno continuato a trovare lavoro in città. Altri hanno scelto di rimanere. L'attuale direttore di Espai Mescladis, Soly Malamine, è un ex tirocinante di Oin, che è arrivato a Barcellona dopo un pericoloso viaggio dal Senegal. Dando alle persone la possibilità di imparare e dimostrare il loro valore professionale, Mescladis spera di aiutare a costruire ponti tra chi arriva in città e chi ha sempre vissuto qui. In una città come Barcellona, ​​forse non sorprende che il cibo sia uno dei modi più semplici per riunire le persone.