Come la Svezia è arrivata a dominare la musica pop

182nd Knowledge Seekers Workshop, Thursday, July 27, 2017 (Aprile 2019).

Anonim

La Svezia ha prodotto canzoni di successo che viaggiano bene poiché la discoteca era uno stile di vita e il fondo di pantaloni era incredibilmente ampio. Consideriamo per un momento la musica che è stata la colonna sonora di due generazioni. Ecco una rapida occhiata alla dominanza svedese nella musica pop da ABBA ad Avicii.

Melodie buone

ABBA è uno degli atti musicali più venduti di tutti i tempi con una stima di oltre mezzo miliardo di dischi venduti in tutto il mondo. Hanno sfondato con melodie semplici, vocali e pesanti che erano così diverse dagli stili heavy-drum della batteria americana. ABBA ha cambiato il panorama musicale a livello internazionale e ha creato un grande modello per gli atti svedesi da seguire. Le generazioni successive aspirarono al successo di ABBA sia in patria che all'estero e furono in grado di costruire un settore in cui la produzione musicale di ABBA era composta principalmente da svedesi. L'esperienza è stata acquisita e l'industria della musica pop ha iniziato a svilupparsi a un ritmo costante.

Tuttavia, più di 35 anni dopo che il gruppo si è sciolto, stanno godendo il successo attraverso film e musical basati sulla loro carriera. Oggi i quattro membri del gruppo hanno pianificato un album di reunion e hanno inaugurato un museo per il loro successo.

Roxette è un'altra band che ha seguito l'esempio. Gli anni '80 hanno visto la band salire ai primi posti nelle classifiche internazionali e in casa con oltre 75 milioni di dischi venduti in tutto il mondo e quattro hit negli Stati Uniti.

Neneh Cherry ha cavalcato l'ondata dell'hip-hop mainstream alla fine degli anni '80 con "Buffalo Stance" e Man Child. Quando nel 1987 la MTV fu presentata alle famiglie svedesi, gli svedesi scoprirono un nuovo ed eccitante modo di godersi la musica. I programmi nazionali di educazione musicale per i bambini delle scuole e il grande budget annuale per gli stipendi agli artisti musicali hanno giocato un ruolo chiave nel coltivare la musica.

I programmi musicali post-scolastici ei finanziamenti governativi combinati con una conoscenza approfondita della lingua inglese sono fattori che hanno portato il picco economico dell'industria musicale negli anni '90.

"The Sign" e la tua playlist degli anni '90

Ricorda la lunga lista di successi numero uno che hai cantato insieme alla radio che includeva i Cardigan, Dr. Alban, Rednex e Eagle Eye Cherry? Ace of Base è l'ennesima squadra di boy-and-girl che ha scosso gli anni '90 con testi discutibili ma orecchiabili e melodie indimenticabili. Tra il 1990 e il 2003, le esportazioni musicali svedesi sono aumentate vertiginosamente e sono conosciute in tutto il mondo come Swedish Music Miracle.

Backstreet Boys, NSYNC e Britney Spears hanno dominato i primi 10 negli Stati Uniti e nel Regno Unito con canzoni scritte da autori di canzoni svedesi. Ad oggi, la Svezia è il terzo esportatore di musica al mondo dopo gli Stati Uniti e il Regno Unito. Anche se i primi anni 2000 hanno visto un calo degli artisti crossover, la Svezia ha continuato a scrivere e produrre musica di successo per artisti americani. Nel maggio del 2012 il 50% del tabellone per le affissioni, 10 erano canzoni prodotte dagli svedesi.

Maestri del mainstream

Avicii e Swedish House Mafia hanno portato la musica elettronica dagli interni bui dei nightclub alla radio diurna. Uno dei pionieri della musica elettronica commerciale, Avicii ha scritto e prodotto numerosi successi come "Wake Me Up", "Hey Brother" e "Waiting For Love" in due album in studio. La sua rivoluzionaria traccia "Levels" è facilitata da quelli nuovi della musica elettronica nel genere. La Swedish House Mafia ha prodotto diversi primi 10 successi nei pochi anni in cui il gruppo era attivo, "Save the World" e "Do not You Worry Child" con John Martin sono i loro successi più riconoscibili.

L'uomo dietro il successo musicale che la Svezia ha conosciuto dall'inizio degli anni 2000 è Max Martin. Si posiziona al terzo posto nella classifica numero uno della classifica Billboard Hot 100 dietro solo Paul McCartney e John Lennon. Max Martin ha scritto il successo di Brittney Spears "Baby One More Time"; "Roar" di Katy Perry; "Can not Feel My Face" del fine settimana; "We Are Never Ever Back Back" di Taylor Swift e "Can not Stop The Feeling" di Justin Timberlake, solo per citarne alcuni. Divenne un nome familiare in Svezia quando nel 2016 fu insignito del prestigioso premio Polar Music.