Incontra mimycri: le ONG Upcycling Refugee Boats di Berlino

The Great Gildersleeve: Gildy Learns to Samba / Should Marjorie Work / Wedding Date Set (Aprile 2019).

Anonim

La mimycri senza scopo di lucro con sede a Berlino riunisce un gruppo diversificato di nuovi arrivati ​​e berlinesi per lanciare rifugi artigianali su borse e zaini eleganti e di alta qualità. Il progetto ispiratore è una piattaforma per l'integrazione e la sostenibilità, contribuendo a creare posti di lavoro e riciclare i detriti lavati sulle spiagge. Ecco tutto ciò che devi sapere.

sfondo

L'idea per mimycri è nata nel 2015 sull'isola greca di Chios mentre i suoi cofondatori, Nora Azzaoui e Vera Günther, si offrivano volontariamente per aiutare i rifugiati. "Vera e io lavoravamo sulle spiagge nel momento in cui arrivavano gli arrivi dei rifugiati. Dopo aver dato il benvenuto alle persone sulle rive abbiamo anche pulito le spiagge da gilet, vestiti sporchi e barche rotte ", spiega Nora.

Mentre ripulendo i detriti e creando progetti di riciclaggio, la coppia ha avuto un cambiamento nella loro prospettiva, "dopo aver installato un progetto di lavaggio per riciclare i vestiti bagnati e sporchi, non abbiamo potuto smettere di pensare a tutti i rifiuti di plastica sulle spiagge - questo è quando abbiamo avuto un cambio di prospettiva. "Nora e Vera iniziarono a pensare a nuovi modi per riutilizzare la plastica e la gomma che altrimenti sarebbero gettati via:" abbiamo deciso di vedere i rifiuti come una risorsa forte e vedere i nuovi arrivati ​​in Germania come individui con talenti che può diventare nostri colleghi ", afferma Nora.

Il gruppo

Al suo ritorno a Berlino, Vera e Nora hanno ottenuto finanziamenti per la loro idea e hanno deciso di costruire la loro squadra, riunendo "un nucleo di cinque persone provenienti da Siria, Pakistan, Iran e Germania", spiega Nora. Tra questi c'è Abid Ali, un sarto per tutta la vita e un nuovo arrivato dal Pakistan, che è arrivato per la prima volta in Europa sulle rive della Grecia. Ora ha trovato una nuova vita a Berlino e lavora con i mimycri, "Ho molte ragioni per amare (il progetto mimycri), e un motivo molto grande è che anche la mia storia personale, sono venuto con un gommone" Abid spiega. Prestando i suoi anni di esperienza e competenze, Abid è una parte vitale della squadra: "cucire è la mia passione, è la mia professione: ho 22 anni di esperienza", dice Abid. Tuttavia, la piattaforma lo ha aiutato a guadagnare più dell'occupazione a Berlino: "Ho imparato la lingua tedesca qui, lavorando con la mia squadra mimycri e con i miei amici tedeschi", dice.

Questo scambio di competenze è una testimonianza della natura collaborativa del team ed è un ambiente di lavoro in cui credono i co-fondatori, "per il nostro lavoro è fondamentale incontrarci regolarmente ogni settimana e sviluppare il nostro lavoro insieme", spiega Nora. La squadra di cinque persone di tedeschi e nuovi arrivati ​​lavora insieme sul concetto e sul design mentre trasformano i vecchi gommoni raccolti da volontari che ripuliscono le spiagge della Grecia in borse e zaini unici. La gomma è una risorsa costante e viene pulita, imballata e spedita a Berlino, dove la squadra mimycri esegue il ciclo degli spessi pezzi neri e grigi nei robusti zaini, mentre le camere d'aria colorate vengono ridotte in pochette più piccole, marsupi e sacchetti.

Il prodotto

Il risultato è un prodotto distintivo, di qualità e di alta gamma che racconta una storia. "Consideriamo le nostre borse più che accessori: raccontano una storia di sensibilizzazione per la migrazione, l'integrazione e la sostenibilità", spiega Nora. Riciclando materiali che altrimenti andrebbero distrutti, mimycri è in grado di ridare nuova vita alle barche distrutte, mentre la loro piccola squadra è un'immagine di integrazione positiva a Berlino. È un messaggio che vogliono diffondere con il loro progetto: "con i nostri progetti cerchiamo di sensibilizzare le persone su questioni come l'impatto che hanno i nostri modelli di consumo? In che modo il nostro comportamento è collegato alla migrazione? È possibile fare qualcosa a livello personale per contribuire? "Dice Nora.

La loro piattaforma dimostra un modo tangibile di abbracciare la migrazione e i risultati degli arrivi di rifugiati, sia a livello personale che ambientale. Come spiega Nora, "il mimycri affronta le sfide globali interconnesse a livello locale e cerchiamo di fornire un approccio creativo che sembra troppo complesso su scala globale". Il progetto sfida le persone a spostare la propria prospettiva ea riscrivere la narrativa.

Il futuro

Tuttavia, come sottolinea Nora, la cosiddetta crisi dei rifugiati richiede ancora l'attenzione del pubblico: "Penso che l'attenzione per la situazione nelle isole greche sia diminuita anche se c'è un disperato bisogno di assistenza lì: approvvigionamento idrico nei campi, educazione per i bambini così come il rafforzamento delle comunità locali. "continua Nora, " da un punto di vista politico e da un singolo punto di azione sono assolutamente necessari. Con mimycri, proviamo a dimostrare che per ognuno di noi è possibile agire. Abbiamo tutti qualcosa da dare - lascia che sia un'ora del tuo tempo alla settimana come compagno di lingua ".

Il potere di agire localmente e di restituire alla nostra comunità è il cuore del mimycri. È un messaggio ispiratore, per non parlare di una prospettiva che ha motivato Vera e Nora a creare il loro progetto e continuare a sforzarsi di sostenere, collaborare e costruire la propria comunità all'interno di Berlino.